Navigazione veloce

Circ. 249 – Ritardi e uscite

Norme riguardanti ritardi e uscite anticipate.

 

Circ_249_Ritardi-Uscite

Allegato alla circolare 249

1.  Ritardi, entrate e uscite fuori orario 

L’inizio delle lezioni è fissato inderogabilmente alle ore 8.00.  

Solo in casi del tutto eccezionali è possibile essere ammessi in classe dal docente della prima ora, entro e non oltre le 8.10.

Si rammenta che una frequenza regolare delle lezioni da parte di tutti è  segno di rispetto nei confronti della propria classe e della comunità scolastica, nonchè premessa indispensabile per la realizzazione efficace delle attività didattiche e per un apprendimento organico dei contenuti di tutte le discipline 

Gli studenti che arrivano in ritardo (oltre le 8.10) saranno ammessi alla seconda ora dal docente della classe solo se in possesso della giustificazione firmata dal genitore.

In assenza di giustificazione preventiva del ritardo, l’alunno/a è tenuto a richiedere in vicepresidenza il relativo permesso di entrata e il giorno successivo deve consegnare al docente di classe la giustificazione firmata dai genitori.

Sono concessi, per tutto l’anno scolastico, permessi straordinari di max.10 mm, alle studentesse e studenti provenienti dall’hinterland, i cui genitori presentano alla dirigente scolastica una specifica richiesta corredata dagli orari dei trasporti. 

2. Entrate e uscite fuori orario 

Ai sensi del Regolamento interno sono autorizzate eventuali entrate all’inizio della seconda ora di lezione o uscite anticipate di un’ora, per particolari, nonché eccezionali, esigenze familiari o per visite mediche.

Tali richieste, firmate dai genitori (o da studenti maggiorenni) e/o accompagnate da attestazione del medico (in caso di visita medica), vanno presentate al docente della seconda ora di lezione o della penultima ora (in caso di uscita anticipata). I docenti le annoteranno sul registro di classe. 

3. Limite dei permessi e misure relative 

Ai sensi del Regolamento interno, modificato dal consiglio di Istituto nel corrente anno scolastico, le entrate alle 9.00 e le uscite anticipate sono possibili per un massimo di 4 per ogni periodo in cui è suddiviso l’a.s.

Superato tale limite, l’alunno/a, in caso di ritardo oltre le ore 8.00, dovrà essere accompagnato a scuola da un genitore per essere ammesso alle lezioni, dopo un adeguato chiarimento con i collaboratori della preside e un’assunzione di responsabilità per il futuro.

Sarà cura del docente coordinatore della classe monitorare i ritardi degli alunni, comunicarli alla vicepresidenza (nelle rispettive sedi Ascoli e Pisacane) e, contestualmente, disporre l’informazione scritta ai genitori degli alunni non rispettosi delle regole, per le successive operazioni di competenza della segreteria didattica.

Nel caso l’alunno non fosse accompagnato dai genitori non sarà ammesso alle lezioni per tutta la giornata e rimarrà in biblioteca o in altro luogo sorvegliato. 

4. Dispositivi elettronici e telefoni cellulari  

Il divieto di utilizzo di dispositivi elettronici e dei telefoni cellulari durante le ore di lezione risponde ad una generale norma di correttezza che tutti devono rispettare, perché il loro uso scorretto favorisce sia la distrazione di chi li usa  e dei compagni, sia infrazioni lesive della privacy in caso di riprese inopportune o non autorizzate.

Inoltre, ai sensi della normativa ministeriale in vigore, il loro uso improprio costituisce un’infrazione disciplinare, con conseguente applicazione della sanzione che il Consiglio di classe riterrà più opportuno irrogare e che sarà proporzionale alla gravità accertata, tenuto conto delle indicazioni di massima del regolamento interno.

Il docente, che accerta l’infrazione durante la lezione, è autorizzato a richiedere la consegna temporanea del dispositivo che sarà restituito alla fine della lezione. In caso di infrazione ripetuta, il docente consegnerà in vicepresidenza il dispositivo utilizzato durante la lezione. 

In quest’ultimo caso, il cellulare o altro dispositivo sarà restituito a uno o entrambi i genitori informati via e-mail o telefono. Nell’uno e nell’altro caso, il cellulare dovrà essere spento immediatamente dall’alunno prima della consegna.

Qualora l’alunno rifiuti di consegnare il dispositivo e/o cellulare, il docente ne prenderà atto e riferirà al dirigente scolastico, anche ai fini di una sanzione per mancato rispetto delle regole e della  comunità scolastica.

Si rammenta che l’uso accertato della strumentazione elettronica nello svolgimento di una verifica scritta comporta una valutazione negativa della prova o l’annullamento della stessa. 

5. Fumo a scuola 

Ai sensi dall’art. 7 della legge 584/1975, come modificato dall’art. 52, comma 20, della legge 28/12/2001 n. 448, e dall’art. 10 della legge 689/1991, come modificato dall’art. 96 del Decreto Lgs. 507/1999, visto il DL n.104 del 26.07.2013, al fine di tutelare la salute individuale e collettiva dei non fumatori, nel pieno rispetto della convivenza civile e di corrette relazioni umane e sociali, è vietato fumare in tutti gli spazi interni ed esterni di pertinenza delle due sedi del LiceoVirgilio”, senza eccezione alcuna

Ai trasgressori saranno applicate le sanzioni previste dalla normativa in vigore, previo accertamento  e segnalazione da parte delle persone preposte alla vigilanza. 

6. Utilizzo degli spazi e delle attrezzature della scuola 

Il rispetto di tutti gli spazi interni ed esterni della nostra scuola è segno di civiltà e di appartenenza alla comunità scolastica.

La concessione agli studenti dei locali delle biblioteche per lo studio e di aule per gli incontri settimanali è subordinata all’impegno di garantirne la buona tenuta.

Il degrado ambientale e manomissioni strutturali, causati da singoli alunni o da gruppi, saranno oggetto di richiesta di risarcimento danni alle famiglie dei responsabili accertati.

Gli alunni saranno richiamati a ripulire luoghi e strutture. 

7. Orari di accesso alla segreteria didattica 

Gli sportelli della segreteria didattica sono aperti agli studenti tutti i giorni durante l’intervallo e alla fine delle lezioni.

Il rispetto di questa norma evita interruzioni nel lavoro degli assistenti amministrativi e, agli studenti, di uscire dall’aula durante le ore di lezione.

 

La Dirigente Scolastica

Prof.ssa Nicolina Francavilla

Non è possibile inserire commenti.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi